Interventi

31 Gennaio 2014

Il Resto del Carlino Bologna di venerdì 31 gennaio 2014

Sicurezza. Le risorse per il 2014.
La Regione ci mette duecentomila euro. A partire dal Pilastro
 
Duecentomila euro nel solo 2014. E' l'investimento in sicurezza promesso (e promosso) dalla Regione a Bologna per l'anno in corso. «Un impegno molto forte», assicura la vicepresidente di viale Aldo Moro Simonetta Saliera, che va ad aggiungersi ai quasi 500mila euro stanziati nel triennio 2010-2013.

Nel 2014, spiega la Saliera, il focus si concentrerà soprattutto sul Pilastro «con attività e investimenti destinati al rafforzamento della sicurezza per circa 100mila euro, in collaborazione con il Quartiere San Donato». Dunque, si partirà con la riqualificazione del Parco Pasolini, attraverso «un maggiore telecontrollo, il miglioramento dell'arredo urbano e dei giochi per bambini», poi si proseguirà con «l'apertura di spazi pubblici dedicati ai ragazzi a rischio e di laboratori-lavoro per aiutare i giovani e gli adulti che l'hanno persa a trovare o ritrovare un'occupazione». Certo, riconosce la vice di Vasco Errani, «molto è ancora da fare», ma l'obiettivo, come degli anni scorsi, resta quello «di non disperdere l'impegno di tante persone, dalle associazioni ai semplici cittadini, dalle forze dell'ordine agli amministratori». Tra gli interventi finanziati dalla Regione nell'ultimo triennio, la rete di telecamere in centro (230mila euro), la lotta al mercato delle bici rubate in piazza Verdi e il centro antibullismo di piazza Spadolini.

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.