Interventi

3 Giugno 2014

Il Carlino Bologna del 3 giugno 2013

Saliera risponde a Lunghi (Cgil)
"Opere pubbliche, la Regione investe"
 
PIÙ di duecento milioni di euro sul territorio bolognese per far ripartire l'economia e creare nuovi posti di lavoro. Cosi la Regione Emilia Romagna risponde a Maurizio Lunghi, nuovo segretario della Cgil, che in un'intervista sul Carlino di domenica aveva sollecitato le istituzioni locali a fare la loro parte e a investire il più possibile sulle opere pubbliche.

«Ha ragione Lunghi a ribadire che i cantieri portano posti di lavoro' — commenta la vice presidente e assessore al Bilancio di viale Aldo Moro, Simonetta Saliera (nella foto) —, e su Bologna la Regione si è impegnata in prima persona nell'assicurare le nsorse necessane' . L'elenco delle opere finanziate è lungo, anche se solo alcune di queste sono già diventate veri e propri cantieri. «Poco più di una settimana fa, dopo decenni — ricorda la Saliera —, abbiamo salutato e festeggiato il bando di Rfi per l'assegnazione dei lavori per il Nodo di Rastignano. Ma la Regione ha investito e sta investendo su molte altre: 10 milioni per la riqualificazione dell'ex mercato ortofrutticolo, altri 5 per riqualificazioni a Bologna e Calderara di Reno, 6 milioni per infrastrutture in provincia (come piste ciclabili e progetti di illuminazione), 77 milioni per l'acquisto di dodici treni e 41 per l'interramento della Veneta. Per il People Mover abbiamo garantito 27 milioni e altri 20 per la realizzazione della Bazzanese, più l'investimento per il primo stralcio del Tecnopolo. E su molte altre opere, come il nodo di Casalecchio e i nuovi caselli autostradali abbiamo raggiunto accordi con Autostrade o Rfi».

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.