Interventi

3 Giugno 2014

Il Carlino Bologna del 3 giugno 2013

Saliera risponde a Lunghi (Cgil)
"Opere pubbliche, la Regione investe"
 
PIÙ di duecento milioni di euro sul territorio bolognese per far ripartire l'economia e creare nuovi posti di lavoro. Cosi la Regione Emilia Romagna risponde a Maurizio Lunghi, nuovo segretario della Cgil, che in un'intervista sul Carlino di domenica aveva sollecitato le istituzioni locali a fare la loro parte e a investire il più possibile sulle opere pubbliche.

«Ha ragione Lunghi a ribadire che i cantieri portano posti di lavoro' — commenta la vice presidente e assessore al Bilancio di viale Aldo Moro, Simonetta Saliera (nella foto) —, e su Bologna la Regione si è impegnata in prima persona nell'assicurare le nsorse necessane' . L'elenco delle opere finanziate è lungo, anche se solo alcune di queste sono già diventate veri e propri cantieri. «Poco più di una settimana fa, dopo decenni — ricorda la Saliera —, abbiamo salutato e festeggiato il bando di Rfi per l'assegnazione dei lavori per il Nodo di Rastignano. Ma la Regione ha investito e sta investendo su molte altre: 10 milioni per la riqualificazione dell'ex mercato ortofrutticolo, altri 5 per riqualificazioni a Bologna e Calderara di Reno, 6 milioni per infrastrutture in provincia (come piste ciclabili e progetti di illuminazione), 77 milioni per l'acquisto di dodici treni e 41 per l'interramento della Veneta. Per il People Mover abbiamo garantito 27 milioni e altri 20 per la realizzazione della Bazzanese, più l'investimento per il primo stralcio del Tecnopolo. E su molte altre opere, come il nodo di Casalecchio e i nuovi caselli autostradali abbiamo raggiunto accordi con Autostrade o Rfi».

Post

24 Giugno 2018

I ragazzi di Casalecchio vincitori de "I Parchi regionali in Assemblea legislativa"

Una giornata immersi nella natura del Corno alle Scale e del Delta del Po tra biodiversità e amore della natura.

22 Giugno 2018

Cordoglio per la scomparsa di Orazio Samoggia

"Orazio Samoggia è stato uno dei primi imprenditori che hanno contribuito alla ricostruzione e alla rinascita di Pianoro, uno dei Comuni più devastati dalla violenza della Seconda Guerra Mondiale.