Post

1 Ottobre 2016

Ricordare l'eccidio di Marzabotto per vaccinarci dalla violenza

"La memoria e il ricordo fanno parte della nostra storia: rappresentano la garanzia per il futuro della nostra democrazia. L'eccidio di Marzabotto è una delle pagine tragiche della nostra storia: ricordare ciò che accadde a Monte Sole è vaccinarci dal ripetere gli errori che portarono a negare la libertà e la dignità della persona umana".

Così Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna, rivolge un saluto in occasione delle celebrazione che domani si terranno nel Comune dell'Appennino bolognese per ricordare l'eccidio nazifascista di Marzabotto, celebrazioni a cui l'Assemblea legislativa sarà rappresentata dal consigliere Igor Taruffi. Saliera ricorda anche come, "proprio per tenere sempre vivo il ricordo della tragedia di Marzabotto, dallo scorso 21 aprile 71° anniversario della Liberazione di Bologna, nei locali dell'Assemblea legislativa è esposto in modo permanente l'opera di Ilario Rossi dedicata appunto alla strage di Marzabotto: ci è stata donata dal figlio dell'artista e dal Comune di Monzuno e per l'Assemblea è stato un dovere morale oltre che un onore esporla al pubblico proprio per tenere viva la nostra storia, ricordare le vittime innocenti e spiegare ai giovani ciò che accadde e ciò che mai più deve accadere".

Post

13 Novembre 2018

Saluto al congresso regionale Spi-Cgil dell'Emilia-Romagna

Vincere la sfida della solitudine e dell’impoverimento dei salari e delle pensioni. E’ questo il succo del messaggio che Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, ha inviato allo Spi-Cgil, che tiene il proprio congresso regionale a Cervia.

11 Novembre 2018

Ricordo della Battaglia di Porta Lame

"La Battaglia di Porta Lame è una tappa fondamentale nel percorso di recupero della libertà degli Italiani, del riscatto della dignità della nostra Patria dopo 20 anni di dittatura e di guerra. Oggi è anche il momento per ricordare, con onore e rispetto, due grandi bolognesi che non ci sono più, Lino William Michelini e Giancarlo Grazia, che combatterono per la libertà di tutti noi".