Post

6 Dicembre 2016

"Movimenti per la Pace arriva" a Monte San Pietro

“Movimenti per la Pace” di Luciano Nadalini arriva a Monte San Pietro.

Dopo l’esposizione nei locali dell’Assemblea legislativa regionale e il ricevimento del Premio per la Pace dell’Associazione Nassirya, la mostra realizzata dallo storico fotografo bolognese che ha immortalato 30 anni di pacifismo a Bologna, sarà esposta nel Comune di Monte San Pietro. Il taglio del nastro è previsto nei locali del Centro Ex Moduli, in via Calderino, alle ore 16,30 di sabato 10 dicembre, con la mostra che rimarrà esposta al pubblico fino al 16 dicembre pv. All’inaugurazione della mostra parteciperanno il sindaco di Monte San Pietro Stefano Rizzoli, l’Assessore comunale alla Pace Barbara Fabbri e Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, che ha fortemente voluto la mostra di Nadalini in Regione. “Per noi – spiega Saliera – è molto importante che dopo l’esposizione in Assemblea, le foto di Nadalini trovino l’interesse dei Comuni e dei cittadini del nostro territorio: la pace è un valore costituzionale e crediamo sia giusto impegnarsi in tal senso. Come Istituzioni dobbiamo impegnarci per costruire una società dove ognuno di noi riconosca agli altri quei diritti che vogliamo siano riconosciuti a noi”. L’allestimento è stato realizzato grazie al lavoro del Comune di Monte San Pietro e gode del patrocinio dell’Assemblea legislativa, dell’Anpi, dello Spi-Cgil, della Pro-Loco Monte San Pietro e dell’Associazione La Conserva. A partire dalla ore 16, prima del taglio del nastro, si terrà un laboratorio per la pace per bambini a cura di Alice Reina dell’Associazione Emisfero.

Post

12 Giugno 2019

La Repubblica di Montefiorino 75 anni dopo

Tappa fondamentale per la riconquista della libertà, uno tra i primi esempi di democrazia nell’Italia che combatteva per liberarsi dall’oppressione nazifascista.

11 Giugno 2019

I 30 anni dell'Associazione dei parenti delle vittime di Ustica

Da trent’anni combatte il muro di gomma che impedisce di arrivare alla verità sulla strage di Ustica. Da tre decenni lotta perché sia fatta vera luce ciò che avvenne nei cieli d’Italia nella notte del 27 giugno 1980.La storia dell’Associazione dei parenti delle vittime della strage di Ustica diventa un libro realizzato grazie alla collaborazione tra l’Associazione stessa e l’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.