Post

12 Luglio 2017

Saliera: complimenti a Paolo Franceschini per la sua "scalata" all'Himalaya

Grande successo per Paolo Franceschini, il comico ferrarese che ha sfidato le cime impervie dell'Himalaya in sella alla biciletta.

Al termine della spedizione su due ruote sul tetto del mondo, Franceschini si è classificato quarto, conseguendo un risultato di prim'ordine che da lustro all'Emilia-Romagna. "Siamo molto soddisfatti del suo risultato e del suo impegno, è un momento molto bello per tutti noi perché premia passione e lavoro e dimostra che per raggiungere i risultati che ci si è preposti occorre lavorare sodo e con serietà: Franceschini è a tutti gli effetti un 'testimonial' dell'Emilia-Romagna nel mondo", spiega Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna. L'Assemblea, infatti, ha patrocinato l'avventura di Franceschini e la presentazione della gara si tenne lo scorso 20 giugno proprio nei locali dell'Assemblea. Franceschini ha gareggiato nel HHMR- Himalayan Highest MTB Race, la gara a tappe di Mountain Bike più alta del mondo in scena nel Ladakh, una regione racchiusa tra le catene montuose del Karakorum e dell’Himalaya. La competizione è stata suddivisa in 6 tappe e comprende il valico di tre passi alternati a tratti più scorrevoli; si è sviluppata su una distanza complessiva di circa 510 chilometri con un dislivello totale di 9.000 metri. Caratteristica principale di questo tipo di gara, infatti, non è tanto la sua lunghezza ma l’altitudine: il percorso non scende mai al di sotto dei 3.200 metri di quota e tocca i 5.602 metri. Si tratta pertanto di un tour nel quale i bikers hanno dovuto sfruttare nel migliore dei modi le proprie abilità fisiche, certo, ma specialmente quelle mentali, per resistere alle pressioni che le variazioni dell’aria e dell’ossigeno eserciteranno sulla respirazione.

Post

24 Maggio 2018

Ci vuole rispetto per le vittime della strage del 2 agosto

"Le parole sentite in questi giorni sono un'offesa a tutta la città di Bologna e acuiscono ferite che non si sono mai rimarginate.

23 Maggio 2018

Le nostre valli: cielo acqua notti nature

L’Appennino bolognese si racconta nelle foto di William Vivarelli e nelle parole di Adriano Simoncini.