Post

8 Settembre 2017

Il valore della Giornata europea della cultura ebraica

“La giornata di domenica rappresenta un momento di conoscenza reciproca e di pensiero profondo. E' un momento di pace in cui si rinuncia agli egoismi e ci si pone in un rapporto di collaborazione”.

Così Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, in un messaggio inviato alla Comunità Ebraica e al MEB in occasione della Giornata della cultura ebraica che si celebra domenica prossima 10 settembre. “La cultura ebraica ha rappresentato e rappresenta una delle linfe vitali della nostra società regionale: per ricchezza, per passione, per la sofferenza subita nel corso dei secoli e per la capacità di tenere vive le proprie tradizioni e la propria stessa esistenza”, spiega Saliera che ricorda come questo sia “un giorno molto significativo per tutta la nostra comunità, una parte importante della nostra società, come voi siete, apre le proprie porte e si mobilità non solo per tenere viva la propria tradizione, ma per arricchire il panorama culturale e sociale di tutta la regione. Vi siamo grati, perché mai come in questo difficile momento storico, travagliato, dove pare esserci solo un ‘eterno presente’ che recide le radici delle varie culture, c’è bisogno di tenere vivo l’esercizio della memoria. Per non finire ostaggi delle banalità e vittime di quell’inevitabile ripetersi delle antiche tragedie che sempre accade quando i popoli si dimenticano del loro passato e, come moderni costruttori di palafitte, pensano di costruire il presente e il futuro sulla sabbia, cominciando da zero”.

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.