Post

4 Dicembre 2017

Un Presepe di Pace in Assemblea legislativa

Per la prima volta dalla sua istituzione nel 1970, nella sede dell'Assemblea legislativa regionale sarà allestita una Natività. Si tratta del «Presepe sfolgorante», opera dell'artista romana Giulia Napoleone.

Il taglio del nastro, presente monsignor Ernesto Vecchi, vescovo ausiliare emerito di Bologna, sarà prossimo giovedì 7 alle 17, in viale Aldo Moro 50 alla presenza dell'autrice e di Simonetta Saliera, presidente del Parlamento regionale, che inaugurerà l'allestimento. L'opera è un globo del diametro di tre metri, che rappresenta la Natività: un raggio di luce è incastonato in mille barlumi indirizzati verso la parte più intima della scena della Natività, dove un sole sfolgorante, Gesù Bambino, assorbe, filtra e restituisce i guizzi di luce che attraversano la Madonna, san Giuseppe, il bue e l'asino abbracciando l'universo. Le statuine sono realizzate all'interno di piccoli parallelepipedi di cristallo. «Il presepe di Giulia Napoleone - commenta Saliera - vuol essere un messaggio di pace, rispetto e serenità in vista delle prossime festività natalizie e di speranza per il nuovo anno». L'allestimento è realizzato in collaborazione con la Fondazione Tito Balestra onlus di Longiano, il Museo internazionale del presepio «Vanni Scheiwiller» di Castronuovo Sant'Andrea (Potenza) e Felsinea. Oltre al "Presepe Sfolgorante", Giulia Napoleone ha messo a disposizione altre 31 sue opere, quadri che verranno esposti al pubblico fino al 7 gennaio. L'intero allestimento nei locali dell'Assemblea legislativa è stato inserito nei "Percorsi dei presepi bolognesi", l'itinerario "d'autore" tra tradizione e arte che tutti gli anni accompagna il periodo natalizio e suggerisce agli amanti del genere un percorso ideale tra i migliori presepi realizzati a Bologna e provincia. Sempre nei locali del Parlamento di viale Aldo Moro, giovedì prossimo, verrà acceso l'albero di Natale donato dall'Ente Parchi Emilia-Orientale guidato da Giovan Battista Pasini. Si tratta di un abete di 5 metri, frutto dei piani di selezione e riforestazione, e che, grazie al Parco, viene donato all'Assemblea già decorato con piastrelle di ceramica donate da importanti aziende ceramiche modenesi e decorate con disegni ben auguranti di due scuole emiliano romagnole: le scuole elementari di XII Morelli di Cento, in provincia di Ferrara, e le elementari XXV aprile di Casalecchio di Reno, in provincia di Bologna. "Ringraziamo Giulia Napoleone, Giovan Battista Pasini e gli insegnanti e i bambini delle scuole coinvolte per la collaborazione e l'impegno a lavorare con noi. Si tratta del riconoscimento del lavoro dell'Assemblea e del nostro impegno a interloquire sempre di più con il vasto mondo culturale, associativo e civile del nostro territorio", spiega Saliera che si augura che "molti cittadini possano visitare l'allestimento natalizio e, per l'occasione, visitare anche la sede dell'Assemblea regionale potendo valutare cosa stiamo facendo in questo mandato al servizio della collettività".

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.