Post

27 Gennaio 2018

Lunedì Giornata della Memoria a Camugnano

"La memoria va coltivata con passione e sincerità ogni giorno: mi congratulo con il sindaco Del Moro che ha organizzato questo bell'appuntamento che permette di parlare ai giovani, di ricordare l'orrore della Shoah, l'infamia delle leggi razziali e i tanti morti negli eccidi nazifascisti che hanno insanguinato il nostro Appennino".

Sarà Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna a celebrare, lunedì prossimo, il Giorno della Memoria a Camugnano, sull'Appenino bolognese. Invitata dal sindaco Alfredo Del Moro, Saliera parteciperà a una ricca giornata che tiene insieme memoria e scuola. Il programma della giornata prevede che si parta alle 10, presso la palestra scolastica di Camugnano, dove si terrà la manifestazione “Per la memoria del nostro territorio” organizzata dall'Istituto Comprensivo Castiglione-Camugnano-San Benedetto Val di Sambro. Tra l'altro, sono previste riflessioni sul perché degli eccidi, sul bombardamento di Baragazza e l’eccidio di Monte Sole, sulla liberazione di Castiglione dei Pepoli e del cimitero degli alleati, la testimonianza della Prof.ssa Anna Rosa Nannetti, superstite della strage di Monte Sole e scrittrice, introduzione alla storia dell’eccidio di Belpoggio di Baragazza, testimonianza sull’eccidio di Belpoggio di Burzanella da parte della sig.ra Viviana Passini, riflessioni attraverso alcune poesie e letture di alcuni brani tratti dal Diario di Anna Frank e testimonianze degli anziani del Pensionato San Rocco di Camugnano.

Post

25 Aprile 2019

Francobolli bolognesi

Il più gettonato è Guglielmo Marconi, l'inventore della radio, celebrato tanto prima nell'Italia sabauda poi in quella repubblicana, ma anche a San Marino e in Vaticano.

24 Aprile 2019

Condanna per lo sfregio alla lapide della Bolognina

"Condanniamo nel modo più risoluto e senza appello l'ennesimo grave sfregio ai simboli della lotta di Liberazione e della Resistenza. A Bologna violenze di questo tipo non possono avere né spazi, né tolleranza.