Post

14 Febbraio 2018

Chi sta con i diritti del Popolo Saharawi? Le domande ai candidati alle elezioni di marzo

Conosce quello che succede nel Sahara Occidentale?

Concorda sul fatto che la decolonizzazione dell’Africa debba essere concluso e che i popoli abbiano il diritto all’autodeterminazione? Come deve fare l’Unione europea affinché il Marocco applichi il piano di pace dell’Onu nel Saharawi? Gli aiuti internazionali al Marocco vanno subordinati al rispetto da parte del regno marocchino dei diritti umani nel Sahara occidentale? Se sarà eletto si occuperà dei problemi del Popolo Saharawi? Farà parte dell’Intergruppo parlamentare per la pace nel Sahara Occidentale? Si impegnerà affinché l’Italia aumenti gli aiuti umanitari verso il Popolo Saharawi? Sono questi i principali quesiti che la Rappresentanza in Italia del Fronte Polisario, il governo del Popolo Saharawi, pone ai candidati alle elezioni italiane del prossimo 4 marzo. Le domande sono state trasmesse all’Intergruppo di Amicizia del Popolo Saharawi, composto dai consiglieri dell’Assemblea legislativa regionale di varia appartenenza partitica coordinato dalla Presidente del Parlamento di viale Aldo Moro Simonetta Saliera, che li ha resi pubblici mettendoli a disposizione dei candidati alle elezioni in modo che coloro che lo vogliono possano prendere posizione pubblica sul tema.

Post

5 Marzo 2021

Dimissioni Zingaretti e crisi Pd

"Le motivazioni delle dimissioni di Nicola Zingaretti da Segretario del Pd e il dibattito che ne è seguito dimostrano come il Partito Democratico sia contorto su se stesso negli opportunismi individuali che nulla hanno a che fare con la storia della sinistra italiana: c'è una totale sordità nei confronti sia di chi ancora ripone fiducia e speranza di futuro nella politica, sia per quell'immensità di popolo che è sempre più povero dal punto di vista economico e con sempre meno opportunità culturali.

26 Febbraio 2021

Cordoglio per la scomparsa di Bruno Pizzica

"Bruno Pizzica è stato un uomo e un sindacalista di grande umanità e impegno: da sempre in prima fila nella difesa dei lavoratori, nella costruzione di soluzioni avanzate e rispettose della dignità della persona quando si parlava di anziani e di welfare. La sua morte mi riempie di dolore: a sua moglie, ai suoi cari, alle compagne e ai compagni della Cgil, a tutti coloro che hanno lottato insieme a lui dedicando una vita ai diritti dei lavoratori e alla costruzione di una società più giusta, vanno le mie più sentite condoglianze".