Post

16 Febbraio 2018

Concorso "Fotografa la tua Scola"

La Scola in un click.

Macchine fotografiche e smartphone in azione per raccontare uno dei più bei borghi italiani, luogo suggestivo dell’Appennino bolognese nel Comune di Grizzana Morandi. “Fotografa la tua Scola” è il concorso fotografico che nasce dalla collaborazione tra l’Associazione La Sculca (che riunisce i residenti e i fan della Scola) e l’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Dal 1 marzo al 1 aprile prossimo, ogni fotografo potrà inviare una foto all’indirizzo mail segreteria@borgoscola.net dell’Associazione La Sculca. Le foto saranno esposte dal 1 luglio 2018 al 14 settembre 2018 nei locali del Borgo La Scola nel Comune di Grizzana Morandi in provincia di Bologna. I residenti della Scola e i visitatori che a vario titolo visiteranno il Borgo nel periodo di esposizione delle foto potranno votare quella che meglio racconta lo spirito della Scola. Alla foto vincitrice, alla seconda classificata e alla terza classificata verrà consegnata, in occasione di un evento pubblico da tenersi la terza domenica di settembre, una pergamena-premio realizzata dall’Associazione La Sculca in collaborazione con l’Assemblea Legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. “Abbiamo voluto valorizzare, grazie al lavoro di tante persone, uno dei luoghi più belli di Bologna”, spiegano Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna e Silvia Rossi, Presidente dell’Associazione culturale Sculca, che ricordano come “il nostro obiettivo è far conoscere sempre di più quello che oltre che un luogo d’arte sta diventando un modello di aggregazione sociale e di impegno civile.”

Post

25 Aprile 2019

Francobolli bolognesi

Il più gettonato è Guglielmo Marconi, l'inventore della radio, celebrato tanto prima nell'Italia sabauda poi in quella repubblicana, ma anche a San Marino e in Vaticano.

24 Aprile 2019

Condanna per lo sfregio alla lapide della Bolognina

"Condanniamo nel modo più risoluto e senza appello l'ennesimo grave sfregio ai simboli della lotta di Liberazione e della Resistenza. A Bologna violenze di questo tipo non possono avere né spazi, né tolleranza.