Post

10 Aprile 2018

Fondi europei, l'Emilia-Romagna li ha usati al 100%

La Regione Emilia-Romagna ha utilizzato il 100% dei fondi europei della programmazione 2007-2013.

A confermare la performance della gestione delle risorse comunitarie è stata Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna e componente del Comitato delle Regioni, il massimo organo comunitario delle Regioni d’Europa. Intervenendo al workshop 'L'Europa sociale e le sfide della politica di coesione' all’interno del convegno 'Il futuro dell'Europa e il ruolo delle regioni' in corso a Bruxelles, la Presidente del Parlamento di viale Aldo Moro ha ricordato come “la Regione Emilia Romagna ha utilizzato la totalità delle risorse del Programma Operativo FSE 2007-2013 ha utilizzato al 100% le risorse allocate, per un totale di 886 milioni di € di spese”. Saliera, che per gran parte del periodo di programmazione è stata vicepresidente della Regione con delega proprio alle Politiche europee, ha sottolineato come “Le operazioni finanziate sono state complessivamente 30.818, con il coinvolgimento di 312.000 beneficiari, di cui 44% uomini e 56% donne, coinvolti in attività di formazione continua e riqualificazione degli occupati, inserimento lavorativo, formazione terziaria non universitaria e formazione superiore, interventi per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca e dell’innovazione tecnologica ad integrazione degli interventi del POR FESR, misure a sostegno di persone e imprese colpite dal sisma”. Parole e numeri chiari, che hanno permesso a Saliera di ribadire come sia arrivato il momento per l’Unione europea di mostrare il proprio volto umano, impegnandosi in una forte politica sociale che riduca le sempre maggiori diseguaglianze nate dalla crisi finanziaria del 2008. Una svolta che per l’Unione europea significa tornare ai propri valori fondamentali e che deve essere fatta valorizzando proprio le Regioni d’Europa: “È essenziale che le decisioni europee vengano prese nella maniera più “vicina” possibile ai cittadini, naturalmente in conformità con il principio di sussidiarietà e i trattati. Per questo – sottolinea Saliera – le Regioni dovrebbero aumentare il proprio ruolo all’interno dei processi decisionali europei, garantendosi una maggiore partecipazione nella definizione delle priorità strategiche delle politiche, in particolar modo della Politica di Coesione”.

Post

24 Maggio 2018

Ci vuole rispetto per le vittime della strage del 2 agosto

"Le parole sentite in questi giorni sono un'offesa a tutta la città di Bologna e acuiscono ferite che non si sono mai rimarginate.

23 Maggio 2018

Le nostre valli: cielo acqua notti nature

L’Appennino bolognese si racconta nelle foto di William Vivarelli e nelle parole di Adriano Simoncini.