Post

18 Luglio 2018

L'Assemblea legislativa aderisce al Manifesto contro la violenza contro le bambine e i bambini

Promuovere i diritti delle bambine e dei bambini, monitorare i casi di bullismo infantile, contribuire a creare una cultura contraria alla violenza e all'intimidazione verso i minori.

L'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha accolta positivamente la proposto arrivata dall'associazione "Terre de hommes" per aderire al "Manifesto indifesa per una diffusione della cultura del rispetto e della prevenzione della violenza e della discriminazione di genere". La decisione è stata presa all'unanimità dei presenti nel corso della riunione odierna dell'Ufficio di Presidenza del Parlamento di viale Aldo Moro. L'obiettivo del documento, che ne corso del 2017 ha visto l'adesione di molti Comuni italiani ed emiliano romagnoli (tra cui Milano, Roma, Bologna, Parma, Torino, Genova, Palermo e Bari), è quello di promuovere attività di formazione e controllo sui temi come il bullismo, il cyberbullismo inserendoli, ove già esistessero, anche nei Piani antiviolenza già presenti nelle diverse pubbliche amministrazioni. C'è poi l'impegno a celebrare l'11 ottobre la Giornata contro la violenza contro le bambine e i bambini. "In questo modo si rafforza il lavoro della nostra Assemblea legislativa su un tema fondamentale per la dignità e il diritto alla vita e alla sicurezza delle bambine e delle ragazze nella nostra comunità", spiega Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna.

Post

12 Giugno 2019

La Repubblica di Montefiorino 75 anni dopo

Tappa fondamentale per la riconquista della libertà, uno tra i primi esempi di democrazia nell’Italia che combatteva per liberarsi dall’oppressione nazifascista.

11 Giugno 2019

I 30 anni dell'Associazione dei parenti delle vittime di Ustica

Da trent’anni combatte il muro di gomma che impedisce di arrivare alla verità sulla strage di Ustica. Da tre decenni lotta perché sia fatta vera luce ciò che avvenne nei cieli d’Italia nella notte del 27 giugno 1980.La storia dell’Associazione dei parenti delle vittime della strage di Ustica diventa un libro realizzato grazie alla collaborazione tra l’Associazione stessa e l’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.