Post

24 Settembre 2014

Saliera: sabato di festa al Corno alle Scale, così si rafforza la comunità

Corno alle Scale in festa per il 30esimo anniversario della Croce del Corno, il monumento religioso che dal 1984 svetta sulla montagna simbolo del turismo bolognese e realizzata dal signor Malaisi (imprenditore della zona) come atto d’amore per la vallata e di devozione.

Si parte alle 9,30 dal Cavone per raggiungere la Croce, poi, nel pomeriggio è prevista l’esibizione del coro Blueskies di Pianoro e la cerimonia religiosa presieduta da don Giacomo Stagni. “Siamo tutti molto grati al signor Malaisi e a tutti quelli che in questi anni hanno lavorato per lo sviluppo del Corno. Quando una comunità si ritrova attorno a simboli di pace e di sviluppo è motivo di gioia per tutti noi”, spiega Simonetta Saliera, vicepresidente e assessore alla Montagna della Regione Emilia-Romagna che sabato sarà al Corno. Saliera ricorda come “proprio nelle scorse settimane il Corno alle Scale, grazie al lavoro della Regione, del Parco e del Comune di Lizzano e con l’aggiudicazione della gestione a un consorzio dell’Appennino, ha visto confermato il proprio futuro e anche la prossima stagione invernale si svolgerà serenamente, con ricadute positive per tutto l’indotto economico”. Sabato, oltre alla vicepresidente Saliera, hanno assicurato la loro presenza nei vari momenti della giornata il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti, Elena Torri, sindaco di Lizzano in Belvedere, il Presidente Ente Parchi Emilia-Orientale Sandro Ceccoli (“Sarà una bellissima giornata di festa”, spiega) e Silvia Noè, consigliere regionale.

Post

25 Aprile 2019

Francobolli bolognesi

Il più gettonato è Guglielmo Marconi, l'inventore della radio, celebrato tanto prima nell'Italia sabauda poi in quella repubblicana, ma anche a San Marino e in Vaticano.

24 Aprile 2019

Condanna per lo sfregio alla lapide della Bolognina

"Condanniamo nel modo più risoluto e senza appello l'ennesimo grave sfregio ai simboli della lotta di Liberazione e della Resistenza. A Bologna violenze di questo tipo non possono avere né spazi, né tolleranza.