Post

31 Marzo 2016

Condanna per atti vandalici ai danni del Saharawi a Gualtieri (Re)

La presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna e il consigliere Gabriele Delmonte si associano allo sdegno e al rammarico espressi dal Comune di Gualtieri e dall’associazione Jaima Sahrawi per il gesto vandalico che ha imbrattato i cartelli di ingresso al Comune di Gualtieri, città amica del Popolo saharawi, nel punto in cui si menzionava il legame storico tra la comunità di Gualtieri e quella di Mahbes nei campi dei rifugiati saharawi.

“A nome dell’intera Assemblea legislativa regionale - dichiara la presidente Saliera - esprimo la più ferma condanna per un gesto che denuncia intolleranza e ignoranza ferendo l’intera comunità di Gualtieri. Rinnovo quindi la solidarietà e la vicinanza al Popolo saharawi: una società laica, che realizza una vera democrazia dal basso e a cui, anche nel corso della missione istituzionale da poco conclusa, abbiamo confermato sostegno e impegno”. Solidarietà anche dal consigliere regionale Gabriele Delmonte che, proprio con Saliera, ha fatto parte della recente delegazione istituzionale in Saharawi: “Si tratta di atti vili, da condannare senza appello e dobbiamo rafforzare il nostro impegno”. Contro quello che definiscono un “vigliacco tentativo di cancellare la solidarietà reggiana a favore dei saharawi”, l’Associazione Jaima Saharawi e il Comune di Gualtieri, in una nota congiunta, ribadiscono che “la solidarietà del nostro territorio verso questo popolo è forte e vitale, come dimostrato dai frequenti programmi di accoglienza dei bambini saharawi, dalla recente visita del Presidente dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna ai campi profughi di Tindouf, e dall'impegno delle associazioni emiliano-romagnole per la ricostruzione degli stessi dopo l'alluvione dell'autunno, attraverso la campagna ‘Ogni tetto in più conta’. Un'amicizia così ben radicata non può, e non sarà, scalfita da azioni così vili e insignificanti”.

Post

18 Marzo 2019

Il ricordo di Marco Biagi

“Ricordare la figura, il pensiero e l’opera di Marco Biagi è un dovere civile per tutte le Istituzioni. Il suo barbaro omicidio ferisce ancora tutta Bologna, la nostra regione e il Paese e interroga le nostre coscienze. Il dolore per la sua morte non trova pace perché è stata assassinata una persona e inferto un colpo ai valori della democrazia, della tolleranza e del rispetto che sono alla base del nostro vivere comune e della coesione della nostra città”.

16 Marzo 2019

Al via i lavori per il Museo Presidio Ogr in Assemblea legislativa

La storia dell'Officina Grandi Riparazioni trova casa nell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Procedono infatti speditamente i lavori per realizzare il nuovo spazio espositivo dedicato alla storia dell’OGR di Bologna (oggi Officina Manutenzione Corrente) che dal luglio scorso ha lasciato la storica sede di Via Casarini per trasferirsi in via del Lazzaretto.